Accesso ai servizi

CORONAVIRUS: RACCOLTA INFORMAZIONI



CORONAVIRUS: RACCOLTA INFORMAZIONI


DECRETO 111 DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE PIEMONTE

Testo ordinanza

DPCM 18 OTTOBRE 2020

La sintesi delle norme che entreranno in vigore da lunedì 19 ottobre:
- ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie): sono consentite dalle ore 5,00 sino alle ore 24,00 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo, e sino alle ore 18.00 in assenza di consumo al tavolo. Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l'attività di confezionamento che di trasporto, nonché, fino alle ore 24,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.
- è fatto obbligo per gli esercenti di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo

- SALE GIOCHI, SALE SCOMMESSE E SALE BINGO: sono consentite dalle ore 8,00 alle ore 21,00
-restano comunque sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all'aperto o al chiuso. Sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto

- FESTE CONSEGUENTI A CERIMONIE CIVILI O RELIGIOSE: sono consentite con la partecipazione massima di 30 persone nel rispetto dei protocolli e delle linee guida vigenti
-Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato di evitare feste, nonché di evitare di ricevere persone non conviventi di numero superiore a sei.

- SAGRE E FIERE: Sono vietate le sagre e le fiere di comunità. Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale.

-CONVEGNI E CONGRESSI: sono sospese tutte le attività convegnistiche o congressuali, ad eccezione di quelle che si svolgono con modalità a distanza

- ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA: L’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto sono consentite solo in forma individuale e non sono consentite gare e competizioni. Sono altresì sospese tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere ludico-amatoriale

- PALESTRE E PISCINE: hanno una settimana di tempo per adeguarsi ai protocolli di sicurezza ma restano a rischio chiusura dalla prossima settimana.

- SCUOLA: fermo restando che l’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a svolgersi in presenza, per contrastare la diffusione del contagio, le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, che rimane complementare alla didattica in presenza, modulando ulteriormente la gestione degli orari di ingresso e di uscita degli alunni, anche attraverso l’eventuale utilizzo di turni pomeridiani e disponendo che l’ingresso non avvenga in ogni caso prima delle 9.00

- UNIVERSITÀ: Le università predispongono piani di organizzazione della didattica e delle attività curriculari in presenza e a distanza in funzione delle esigenze formative
- I sindaci possono disporre la chiusura al pubblico, dopo le ore 21,00, di vie o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 109

divieto di vendita di alcolici dopo le ore 21 in tutte le attività commerciali, escluso il servizio di consumazione al tavolo negli esercizi di ristorazione;

- obbligo per i ristoranti di tenere un registro quotidiano delle presenze e dei contatti di tutti i clienti che usufruiscono del servizio al tavolo;

dalla mezzanotte tra sabato 17 e domenica 18 ottobre la chiusura notturna di tutte le attività commerciali al dettaglio (da mezzanotte alle 5), fatta salva l’attività delle farmacie.
Testo Ordinanza

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 110
Prorogato l’obbligo per le scuole di verificare che le famiglie abbiano effettivamente misurato la febbre a casa agli studenti.

Testo Ordinanza

DECRETO LEGGE 125 del 07 Ottobre 2020
Misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologida da Covid 19

Il Decreto Legge ha disposto l'OBBLIGO DI AVERE CON SE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE DELLE VIE RESPIRATORIE (mascherine) E DI INDOSSARLI IN TUTTI I LUOGHI CHIUSI, diversi dalle abitazioni private, E IN TUTTI I LUOGHI APERTI IN CUI NON SIA POSSIBILE GARANTIRE IN MODO CONTINUATIVO LA CONDIZIONE DI ISOLAMENTO RISPETTO A PERSONE NON CONVIVENTI.
Sono esclusi da tale obbligo:
- i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva
- i bambini di età inferiore ai 6 anni
- i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l'uso della mascherina, nonché coloro che per interagire con i predetti versino nella stessa incompatibilità
Con il presente Decreto è stato prorogato fino al 31 GENNAIO 2021 lo stato di emergenza
Le misure del presente Decreto entrano in vigore da GIOVEDI' 8 OTTOBRE 2020

Testo del Decreto su Gazzetta Ufficiale

Ordinanza 12 agosto 2020
Tampone obbligatorio per le persone che rientrano o provengono da Spagna, Grecia, Malta e Croazia.
Testo dell'Ordinanza
Ordinanza 16 agosto 2020
Obbligo di utilizzo della mascherina anche negli spazi aperti che, per caratteristiche, favoriscono assembramenti.
Testo dell'Ordinanza

DECRETO N. 77 DELLA REGIONE PIEMONTE DEL 15 LUGLIO 2020
Firmata l'ordinanza regionale numero 77 del 15 luglio 2020 che, con le relative linee guida, proroga al 31 luglio gli effetti dei disposti delle ordinanze numero 68, 72, 75 e 76 del 2020.

Link utili:- Testo del Decreto


DECRETO N. 76 DELLA REGIONE PIEMONTE DEL 11/07/2020
I
l Presidente della Regione Piemonte ha firmato una ordinanza che reintroduce, a partire dall'11 luglio, la possibilità di consultazione di giornali e quotidiani all’interno di bar ed esercizi pubblici.
Potrà riprendere anche il gioco a carte nei circoli ricreativi.

Link utili:- Sito Regione Piemonte- Testo Decreto 76/2020

DECRETO N. 66 DELLA REGIONE PIEMONTE DEL 05/0/2020
Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha firmato l’ordinanza che dispone dal 6 giugno la ripartenza dei corsi di formazione professionale in presenza (dove non possibile eseguirli a distanza) e degli impianti di risalita e affida ai sindaci la possibilità di autorizzare nei propri Comuni la riapertura di giostre e luna park.

Link utili:

- Decreto n. 66 del Presidente della Regione Piemonte
- Approfondimento dal sito della Regione Piemonte

NUOVE DISPOSIZIONI DELLA REGIONE PIEMONTE

Link utili:

Aggiornamenti della Regione Piemonte

Ordinanza n. 50/2020 del Presidente della Regione Piemonte
Approfondimenti su Ordinanza n. 50/2020
Ordinanza n. 49/2020 del Presidente della Regione Piemonte


DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI MINISTRI - 26 APRILE 2020

Link utili
Testo del Decreto
Modello autodichiarzione spostamenti dal 4 maggio



DECRETO N. 47 DELLA REGIONE PIEMONTE
Il nuovo Decreto del Presidente della regione Piemonte dispone la chiusura degli esercizi commerciali per le giornate del 25 aprile e del 1 maggio, ad esclusione delle farmacie, parafarmacie e gli esercizi di vendita esclusiva di prodotti sanitari.
L'apertura sarà consentita anche alle edicole, alle aree di servizio sulle reti autostradali e ai distributori di carburante.
Le tabaccherie invece dovranno restare chiuse.


Approfondimenti:
Testo del Decreto n. 47/2020
Chiarimenti al Decreto n. 47/2020

DECRETO N. 43 DELLA REGIONE PIEMONTE
La Regione Piemonte prosegue con la linea del rigore per il contenimento del Coronavirus: tutte le regole in vigore in questo momento saranno prorogate fino al 3 maggio e pertanto restano chiuse anche le librerie, le cartolibrerie e i negozi di abbigliamento per l’infanzia. Resta salva, però, la possibilità di vendita con consegna a domicilio per tutte le diverse categorie merceologiche.

Approfondimenti:
Testo del Decreto 43/2020
Chiarimenti al Decreto 43/2020

DPCM DEL 10 APRILE 2020
Testo DPCM del 10 aprile 2020

NUOVI DECRETI DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE
> DECRETO N. 38
Con l'ordinanza n. 38 del 6 aprile 2020 è consentito al servizio di trasporto pubblico non di linea per la consegna a domicilio di beni, spesa e medicinali. Il servizio dovrà essere svolto nel rispetto di tutte le disposizioni anti-contagio.
La tariffa per la consegna a domicilio avrà un tetto massimo di 7,50 euro per le consegne nel raggio di 2,5 km, di 10 euro al massimo nell’ambito del medesimo comune e di 15 euro al massimo nell'ambito di più comuni. Non saranno consentiti ulteriori indennizzi o sovrapprezzi.

Approfondimenti:
Testo Decreto 38/2020
Piemonte Informa

>  DECRETO N. 39
La presente ordinanza sostituisce il Dpgr n. 36 del 3 aprile 2020 e proroga fino al 13 aprile le misure di contenimento al Coronavirus valide su tutto il territorio piemontese.

Approfondimenti:
Testo Decreto 39/2020
Chiarimenti al decreto 39/2020
Piemonte Informa

IN ALLEGATO UN RIEPILOGO DELLE MISURE DI CONTENIMENTO IN VIGORE FINO AL 13 APRILE 2020






INDICAZIONI SUL LAVAGGIO DELLE MANI IN ALLEGATO

VADEMECUM SUGLI SPOSTAMENTI IN ALLEGATO

FAQ DAL SITO DEL GOVERNO
Link alla sezione faq sul sito del Governo

NOTA DI SINTESI AL DECRETO 9 MARZO

Decreto Presidenza Consiglio dei Ministri 9 marzo 2020

Misure che dovranno essere osservate da TUTTE le persone presenti sul territorio nazionale

E’ VIETATA OGNI FORMA DI ASSEMBRAMENTO DI PERSONE IN LUOGHI PUBBLICI O APERTI AL PUBBLICO.

Deve essere evitato ogni spostamento delle persone fisiche.

Possono essere effettuati spostamenti motivati da:

  1. Comprovate esigenze lavorative
  2. Situazioni di necessità
  3. Motivi di salute

Le persone con febbre maggiore di 37,5 ° e sintomatologie respiratorie sono fortemente invitate a restare a casa e a chiamare il proprio medico.

Divieto assoluto per le persone sottoposte a quarantena o risultati positivi al test per il contagio di uscire dalla abitazione o dimora
SCUOLE

Sospesi fino al 3 aprile 2020 i servizi educativi per l’infanzia, le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali anche regionali, master, università per gli anziani e corsi svolti dalle scuole guida.

E’ vietata qualsiasi altra forma di aggregazione alternativa.

EVENTI E MANIFESTAZIONI

Sospensione di ogni attività convegnistica e congressuale.
Sospensione di manifestazioni, eventi e spettacoli di qualsiasi natura (inclusi cinematografici e teatrali), in ogni luogo (pubblico e privato).
Chiusura dell’apertura dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura.

- SPORT

Sospensione di eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato.

Palestre, piscine, centri sportivi, centri natatori, centri termali e centri benessere sono chiusi

Chiusura di impianti e comprensori sciistici

Attività sportive e motorie svolte all’aperto possono essere svolte solo se possibile garantire il rispetto della distanza di sicurezza di 1 metro

- ESERCIZI COMMERCIALI

Svolgimento delle attività di ristorazione e bar solo dalla ore 06.00 alle ore 18.00 con obbligo a carico del gestore di far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno 1 metro, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione.

Chiusura nelle giornate festive e prefestive delle medie e grandi strutture di vendita e degli esercizi all’interno dei centri commerciali (escluse farmacie, parafarmacie e punti vendita generi alimentari)

- LUOGHI DI CULTO. CERIMONIE CIVILE E RELIGIOSE.

Apertura dei luoghi di culto condizionata all’adozione di misure organizzative per evitare assembramenti di persone e tali da garantire la distanza di sicurezza interpersonale di almeno 1 metro.
Sospensione delle cerimonie civili e religiose, comprese quelle funebri


09/03/2020: DECRETO DEL PRESIDENTE DEL COSIGLIO DEI MINISTRI
Tutta l’Italia è zona protetta. Ilnuovo decreto del Governoestende al resto del Piemonte ed a tutta Italia le restrizioni in vigore da domenica e fino al 3 aprile in Lombardia e altre 14 province (tra cui Asti, Alessandria, Vercelli, Novara e VCO).

08/03/2020: DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO
Il Presidente del Consiglio ha firmato un nuovo provvedimento con ulteriori misure restrittive per il contrasto e il contenimento sull'intero territorio nazionale del diffondersi del coronavirus. In particolare, in Piemonte vengono introdotte particolari limitazioni per le province di Alessandria, Asti, Novara, Vercelli e Verbano-Cusio-Ossola.
Testo del Decreto
04/03/2020: DECRETO IN ALLEGATO

02/03/2020 - ORDINANZA DI SOSPENSIONE DELLE ATTIVITA' DIDATTICHE ED EDUCATIVE FINO AL GIORNO 8 MARZO 2020

L’ordinanza regionale prevede l’estensione fino al giorno 8 marzo incluso della sospensione, già prevista per il 2 e 3 marzo, dei servizi educativi dell'infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali ivi compresi i tirocini curriculari, master, università per anziani, con esclusione degli specializzandi nelle discipline mediche e chirurgiche e delle attività formative svolte a distanza.

La data di ripresa delle attività didattiche ed educative è demandata ad un successivo provvedimento.
Ordinanza in allegato


01/03/2020 - ORDINANZA REGIONALE DI SOSPENSIONE DELLE ATTIVITA' DIDATTICHE ED EDUCATIVE NEI GIORNI 2 E 3 MARZO 2020

l Presidente della Giunta regionale ordina
- per i giorni 2 e 3 marzo 2020 la sospensione dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali (ivi compresi i tirocini), master, università per anziani, con esclusione degli specializzandi nelle discipline mediche e chirurgiche e delle attività formative svolte a distanza.

Il Presidente della Giunta regionale dispone inoltre
-di eseguire nei suddetti giorni, in tutti gli edifici adibiti ad attività didattiche ed educative, le misure di igienizzazione di cui all’Allegato 1 - Norme igieniche negli ambienti scolastici

Ordinanza in allegato


DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Il Presidente del Consiglio ha firmato un provvedimento che recepisce e proroga alcune delle misure già adottate per il contenimento e la gestione dell'emergenza coronavirus.
Comunicato stampa della Presidenza del Consiglio dei MInistriDecreto in allegato

COMUNICAZIONE DEL 29 FEBBRAIO 2020Con comunicazione del 29 febbraio 2020 il Presidente della Regione Piemonte di concerto con il MInistro della Salute ha comunicato che anche per tutta la giornata del 1 MARZO 2020 si deve applicare quanto disposto dall'Ordinanza n.1/2020.Comunicazione in allegato.

Ordinanza contingibile e urgente n. 1

Il Ministro della Salute di Intesa con il Presidente della Regione Piemonte

Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019

Art.1(Misure urgenti per evitare la diffusione del COVID-2019)

1. Allo scopo di evitare il diffondersi del COVID-19 nel territorio regionale, il Presidente della Regione Piemonte adotta straordinarie misure per il contenimento adeguato per contrastare l’evolversi della situazione epidemiologica.

2. Le misure sono le seguenti:

a) Sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di aggregazione in luogo pubblico o privato, sia in luoghi chiusi che aperti al pubblico, anche di natura culturale, ludico, sportiva e religiosa;

b) Chiusura dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali (ivi compresi i tirocini), master, corsi universitari di ogni grado e università per anziani, con esclusione degli specializzandi nelle discipline mediche e chirurgiche e delle attività formative svolte a distanza;

c) Sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 dei Codici dei beni culturali e del paesaggio di cui al D.L. 42/2004, nonché dell’efficacia delle disposizioni regolamentari sull’accesso libero o gratuito a tali istituti o luoghi;

d) Sospensione di ogni viaggio di istruzione sia sul territorio nazionale che estero;

e) Previsione dell’obbligo da parte di individui che hanno fatto ingresso nel Piemonte da zone a rischio epidemiologico come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità di comunicare tale circostanza al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria competente per territorio per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva.

3. Costituiscono misure igieniche per le malattie a diffusione respiratoria sottoriportate:

a) Lavarsi spesso le mani: a tal proposito si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;

b) Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;

c) Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;

d) Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;

e) Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;

f) Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;

g) Usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assiste persone malate;

h) Considerare che i prodotti Made in China e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi;

i) Considerare che gli animali da compagnia non diffondono il Coronavirus COVID 19;

j) Evitare tutti i contatti ravvicinati;

k) Ricordare che i cittadini che presentino evidenti condizioni sintomatiche ascrivibili a patologie respiratorie, fra cui rientra il Coronavirus COVID 19, possono contattare il numero 1500, il proprio medico di base e le ASL di riferimento ovvero, solo in caso di reale urgenza, il numero 112 e che si devono evitare accessi impropri al pronto soccorso.

4. Le Direzioni sanitarie ospedaliere pubbliche, private, convenzionate ed equiparate devono predisporre la massima limitazione dell’accesso dei semplici visitatori alle aree di degenza.
Le strutture residenziali e semiresidenziali territoriali di post-acuzie, fra cui, ad esempio, RSA, RAF, CAVS, Centri Diurni, Comunità Alloggio, devono limitare l’accesso dei visitatori agli ospiti.

5. Si raccomanda fortemente che il personale tecnico (OSS) e sanitario si attenga alle misure di prevenzione per la diffusione delle infezioni per via respiratoria, nonché alla rigorosa applicazione delle indicazioni per la sanificazione e disinfezione degli ambienti previste dalla circolare ministeriale;

6. Deve essere predisposta dagli organismi competenti la disinfezione giornaliera dei treni regionali e di tutto il trasporto pubblico locale via terra, via aerea e via acqua;

7. Sono sospese le procedure concorsuali ad esclusione dei concorsi per personale sanitario;

8. Sono sospesi congedi ordinari del personale sanitario e tecnico nonché del personale le cui attività siano necessarie a gestire le attività richieste dall’Unità di Crisi.

Art.2

(Durata e altre misure urgenti per evitare la diffusione del COVID-19)
I provvedimenti della presente ordinanza hanno efficacia dalla data della firma del presente documento fino a sabato prossimo 29 febbraio 2020.

La presente ordinanza è soggetta a modifiche al seguito del variare dello scenario epidemiologico.

Ai sensi della vigente normativa, salvo il fatto che non costituisca più grave reato, il mancato rispetto delle misure di contenimento di cui al presente decreto è punito secondo le previsioni contenute del Codice Penale.


Collegamenti:
Informazioni dal sito della Regione Piemonte
Informazioni dal sito del Ministero della Salute
Informazioni dal sito del Ministero dell'Interno
Domande frequenti_ Sito del Governo

Documenti allegati: