Accesso ai servizi

FLAVESCENZA DORATA DELLA VITE



FLAVESCENZA DORATA DELLA VITE


FLAVESCENZA DORATA

Progetto Pilota Doglianese Monregalese

TRATTAMENTI INSETTICIDI OBBLIGATORI anno 2022

contro Scaphoideus titanus

La Flavescenza dorata della vite si previene solo se:

dopo aver trattato con l’insetticida e trascorso il tempo di rientro (almeno 48 ore) si eliminano i tralci con sintomi o si capitozzano le piante malate senza attendere la vendemmia: questo serve per togliere la fonte di fitoplasma che rende infettivo l’insetto vettore (scafoideo).

 

Primo trattamento insetticida per le aziende convenzionali:

dal 24 al 29 giugno 2022

Trattare nei primi giorni del periodo previsto nelle zone più calde e meglio esposte e negli ultimi giorni del periodo nelle zone più fresche.

AZIENDE IN PRODUZIONE INTEGRATA (che aderiscono all’azione 214.1 del PSR 2007-2013 o all'operazione 10.1.1 del PSR 2014-2020) ACETAMIPRID, FLUPYRADIFURONE, SULFOXAFLOR

 

ALTRE AZIENDE: PER IL PRIMO TRATTAMENTO

PRINCIPI ATTIVI AUTORIZZATI SU VITE CONTRO LE CICALINE:

 

Sostanza attiva

Gruppo chimico

Intervallo di sicurezza (gg)

Acetamiprid

Neonicotinoidi

7-14

Etofenprox

Fenossibenzil eteri

21

Flupyradifurone

Butenolidi

14

Sulfoxaflor

Sulfoximine

7

Varie

Piretroidi

vari

 

       
   

Salvaguardia degli insetti pronubi (Legge regionale 22/01/2019, n. 1)

•Divieto trattamenti insetticidi in fioritura.

Sfalcio e appassimento/asportazione della vegetazione sottostante nel caso di presenza di fioriture spontanee prima di eseguire i trattamenti insetticidi.

•Evitare fenomeni di deriva (non trattare in presenza di vento).

 
 
 

ACCORGIMENTI

§  Controllare il pH della soluzione in modo che sia inferiore a 7.

§  Impiegare volumi di acqua e pressioni di distribuzione in grado di bagnare bene tutta la vegetazione.

§  Trattare tutti i filari da entrambi i lati.

§  Cercare di far arrivare la soluzione sulla pagina inferiore delle foglie, comprese quelle dei polloni.

§  Evitare presenza di polloni o erbe infestanti troppo sviluppate alla base dei ceppi.

 
 
 

VIGNETI ADIACENTI AD AREE FREQUENTATE DA GRUPPI VULNERABILI

(punto A.5.6 del Piano di Azione Nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari)

Nei vigneti a distanze inferiori a 10 metri da aree frequentate dalla popolazione o dai gruppi vulnerabili (quali parchi e giardini pubblici, campi sportivi, aree ricreative, cortili ed aree verdi di plessi scolastici, parchi gioco, strutture sanitarie), devono essere adottati i seguenti accorgimenti:

- distribuire la miscela verso l'interno del vigneto

- utilizzare coadiuvanti antideriva

- non utilizzare cannoni per la distribuzione della miscela insetticida

- segnalare preventivamente alla popolazione l’esecuzione dei trattamenti con adeguata cartellonistica

- trattare nelle ore di minor frequentazione.

 

 


Documenti allegati: